mercoledì 7 marzo 2012

Milano, Lega nella bufera. Pm: mazzette per un milione

OFF
Un'altra inchiesta della Procura di Milano scuote i piani alti della Regione Lombardia e soprattutto squarcia un velo su un presunto giro di tangenti da oltre un milione di euro che sarebbero finiti agli esponenti locali della Lega Nord. Dopo i casi di "mazzette" che hanno riguardato Penati, Nicoli Cristiani e Ponzoni - e dunque nell'ordine un esponente del Pd e due del Pdl - gli inquirenti milanesi sono ora sulle tracce di versamenti illeciti utilizzati, secondo l'accusa, dal Carroccio a livello territoriale. Uno dei più noti esponenti lombardi del partito guidato da Umberto Bossi, il "maroniano" Davide Boni, attuale presidente del Consiglio regionale, è finito indagato per corruzione (una decina di episodi), assieme al capo della sua segreteria, Dario Ghezzi, e a Marco Paoletti, fino a qualche mese fa consigliere provinciale della Lega, poi sospeso e passato al gruppo misto.
Secondo la ricostruzione del procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e del pm Paolo Filippini, Boni e Ghezzi, a cui la Guardia di Finanza, nel corso di una serie di perquisizioni, ha notificato un'informazione di garanzia, avrebbero gestito "affari illeciti" e spartito tangenti che l'architetto Michele Ugliola e il cognato Gilberto Leuci avrebbero concordato con alcuni imprenditori, tra cui Luigi Zunino e Francesco Monastero (legato al gruppo Sile Costruzioni).

Il tutto affinché alcuni amministratori locali, anche essi destinatari di parte dei profitti illeciti, favorissero gli interessi immobiliari degli imprenditori in diverse aree di Milano e dell'hinterland, soprattutto per la realizzazione di centri commerciali. In alcuni casi si tratta di progetti ancora "attuali". Boni, in particolare, avrebbe ricevuto, tra il 2008 e il 2010 quando era assessore regionale all'Edilizia e al Territorio, buste di contanti anche nei suoi uffici in Regione.
 
Mazzette per un totale di oltre un milione di euro, tra soldi promessi ed effettivamente versati, finiti anche nelle mani di Ghezzi e che sarebbero andati non nelle tasche dei due ma - questa è l' ipotesi degli inquirenti - a finanziare in ordine sparso le iniziative estemporanee della Lega, attraverso esponenti locali. E' per questo che i pm stanno valutando anche la possibilità di contestare il reato di finanziamento illecito ai partiti. Un quadro accusatorio che intende far luce su una sorta di "sistema Lega", che non tocca però via Bellerio, ma basato su un metodo di "rastrellamento" e di "distribuzione" di profitti illegali, accomunato nei corridoi della Procura al vecchio meccanismo di "tangentopoli".
Nell'ambito dell'inchiesta - nata da una "costola" dell' indagine su presunte tangenti che ha coinvolto la passata amministrazione di Cassano d'Adda e che nel maggio 2011 ha portato in carcere l'allora sindaco Edoardo Sala - i militari della Gdf hanno perquisito oggi gli uffici in Regione di Boni e Ghezzi. Il blitz ha riguardato anche Zunino e Monastero, entrambi indagati assieme a Ugliola, Leuci e Paoletti. Boni - il quale ha dichiarato la sua "totale estraneità" ai fatti e ha dato la sua "piena disponibilità a chiarire" la sua posizione - e Ghezzi, come si legge nel decreto di perquisizione, "utilizzavano gli uffici pubblici della Regione come luogo di incontro per concludere accordi nonché per la consegna dei soldi".
Per gestire insomma "affari illeciti", incontrando gli altri coindagati anche di recente. Secondo i pm, "é dimostrato il pieno coinvolgimento" di entrambi nel giro di mazzette, nel quale Ugliola - già coinvolto alla fine degli anni '90 nella "tangentopolì di Bresso" - fungeva da "raccordo" tra il livello locale e regionale. Un sistema che, a detta degli investigatori, riguarda anche altri piccoli imprenditori e che ha continuato a funzionare fino a qualche mese fa. A carico di Boni e del suo stretto collaboratore ci sono una serie di interrogatori resi a investigatori e inquirenti dai coindagati, tra cui un paio di verbali della fine dell'anno scorso di Paoletti e dichiarazioni dello stesso Ugliola, il primo a collaborare con i magistrati, oltre ad una serie di intercettazioni, tra cui diverse telefonate tra Paoletti e Monastero. Alcuni atti dell'inchiesta sono stati trasmessi per competenza alla Procura di Monza che indaga sul cosiddetto "sistema Sesto", perché lo stesso Ugliola avrebbe intrattenuto rapporti anche con amministratori e imprenditori per progetti a Sesto San Giovanni.
 
 
Premesso che i politici sono (quasi) tutti uguali, ricordo che un proverbio dice che "l'occasione fa l'uomo ladro".
Bisogna diminuire le occasioni: diminuzione al 50% dei deputati, eliminazione del senato e quindi dei senatori, riduzione delle regioni da 20 a 4 senza possibilità di legiferare ma solo di amministrare (così gli italiani saranno tutti uguali dalle alpi al lilibeo), riduzione delle provincie del 50% e accorpamento dei comuni con meno di 2000 abitanti.
Pensate a quanti mangiapane a ufo in meno e quindi quante possibilità di rubare in meno.
E' più facile per un pastore controllare 10 pecore o 1000?
Meditate, gente, meditate.

2 commenti:

  1. Leghisti Leghisti, sono soltanto buoni a parlare male degli altri, a dire cazzate, ad essere volgari, incompetenti, cafoni ed ignoranti nonche` LADRI!!!! Il Pirellone e` diventato un palazzo di LADRONI!!! ...sono tutti sotto inchiesta

    Non ho visto la notizia sul quotidiano LA PADANIA, come mai??????

    Poveracci quelli della lega nord, vent'anni che rompono le balle con le solite sciocchezze, andate a LAVURA` LADRUUNN!!!!

    RispondiElimina
  2. giustizia sia fatta7 marzo 2012 09:26

    C'è da meravigliarsi?.........
    Lo si sapeva da sempre.......................
    Qualcuno pensava che la lega fosse diversa dagli altri???.........................
    Io personalmente l'ho sempre odiata,avevo capito dall'inizio che razza di mascalzoni erano........
    ricordatevi che se ne salvano tre o quattro.( ma con riserva......) il resto è tutto da galera a cominciare da quel cialtrone del capo.
    Votate ancora lega e poi vi accorgerete.......................
    I veri  L A D R O N I sono proprio loro..........
    Non ricordate che all'inizio  il capo dei capi fu indagato per 200 milioni di finanziamento al partito? Beh credevate forse che poi sarebbe rimasto pulito,lui e il suo gregge?  Sbagliavate! 
    Il caro figlio del capo ruba 15000,00 euro al mese dalle nostre tasche....................
    dico ruba perchè uno stipendio del genere dato ad una persona ignorante che non sa cosa ci sta a fare in regione e che non sa dire una parola che abbia un senso, per me è rubare nelle tasche degli Italiani, mentre ci sono fiori di ragazzi bravi, intelligenti, onesti e preparati che sono a spasso solo perchè non hanno il Ladrone al governo.............

    RispondiElimina